Come cucinare e gustare il tartufo: le ricette dello chef Cannavacciuolo


Posted on 28th November, by Hotel Villa Crespi in eventi, In Evidenza Home Page. No Comments

Come cucinare e gustare il tartufo: le ricette dello chef Cannavacciuolo

Il tartufo e Antonino Cannavacciuolo
…Come cucinare gustare al meglio il sapore e l’aroma del tartufo….

La collaborazione tra Villa Crespi e la Locanda del Pilone, ha dato a Cannavacciuolo l’occasione perfetta per approfondire ed integrarsi al meglio in quella che è la pregiata realtà del tartufo d’Alba.

Con la maestria e la grazia che lo distinguono, Antonino, riesce a creare portate affascinanti ed intriganti rese più che mai raffinate dal profumo e la grazia del sapore del tartufo bianco.

Come tipico della sua filosofia e del suo stile, lo Chef Antonino Cannavacciulo abbina quanto offerto dalla terra delle Langhe ai profumi del Mediterraneo, giocando e divertendosi a stuzzicare i palati dei commensali con proposte che dal periodo autunnale sono rese più che mai singolari dalla raffinatezza dei tartufi.

Contrariamente a quanto si possa pensare, i tartufi, non si trovano soltanto in Piemonte, ma in molte altre regioni d’Italia; Cannavacciuolo prediligie per la sua scuola di cicina trapiantata nelle Langhe, tartufi piemontesi, in particolar modo quelli provenienti dalla zona di Alba.

I tartufi crescono prevalentemente nei luoghi più umidi, dalle boscaglie ai fossi, ma quelli maturati nelle dolci e soavi colline delle Langhe, a differenza di quelli provenienti da zone pietrose e sassose hanno un sviluppo più naturale che gli consente di raggiungere una forma più regolare e di conseguenza, un maggior valore commerciale.

Grazie alla caratteristica composizione organolettica del territorio questi tartufi possono considerarsi unici nella forma, nel sapore e nel profumo: insieme di caratteristiche che li rendono “eletti” tra gli ingredienti ed i gusti dello Chef.

Per la scelta dei prodotti migliori, Antonino si rivolge a un “trifolau” di fiducia (ossia cercatore di tartufi, che conosce le zone migliori, evita i cani che possono danneggiare il prezioso fungo ipogeo (Tuber magnum Pico) e lo mantengono nelle migliori condizioni fino alla consegna.

I migliori tartufi, come le gemme più preziose, ad arricchire magiche portate…il tutto proposto nel Ristorante di Villa Crespi e alla Locanda del Pilone….regni incontrastati dalla mano e la fantasia di Cannavacciuolo





Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



La Nostra Filosofia

...il Mediterraneo, in visita al lago, s'innamorò delle Alpi e decise di portar loro in dote i suoi preziosi sapori... Antonino Cannavacciuolo Grand Chef Relais & Chateaux

La fondazione Calderara: il museo d’arte sul lago d’Orta

La fondazione Calderara nacque il 10 gennaio 1979 per volontà del pittore Antonio Calderara che già ancora quando era in vita decise di aprire...

Il gorgonzola novarese

Il formaggio Gorgonzola è sicuramente ciò che possiamo definire “orgoglio Italiano”; un prodotto d’eccellenza con una forte identità culturale, tipico del nord, riconosciuto dall’Unione...

Il cachemire e il tessile attorno al lago d’Orta

Nella zona della Valsesia sono numerose le aziende specializzate nel cachemire e nei tessuti di lusso. A guidare queste realtà un unico denominatore comune:...

Laveno e il suo presepe sommerso

Nel comune di Laveno Mombello, situato in un’insenatura del Lago Maggiore con vista suggestiva sulle isole Borromee e sull’intera catena del Monte Rosa, è...

La montagna tra i due laghi: il Mottarone

Con i suoi 1.491 metri d’altitudine, il Mottarone divide il Lago d’Orta dal Lago Maggiore ed è per questo conosciuto come la montagna dei...

Villa Crespi in GQ Usa

A member of Relais & Chateaux, Villa Crespi is so much more than a luxury hotel lying above Orta, the most romantic of all...

La grappa novarese

Presso il Relais et Chateaux Villa Crespi organizziamo visite private e per piccoli gruppi alla Casa Francoli di Ghemme, per far conoscere ai nostri...