C’era una volta…la vera storia di Villa Crespi tra miti e leggende


Posted on 11th February, by Villa Crespi in In Evidenza Home Page, territorio. No Comments

C’era una volta…la vera storia di Villa Crespi tra miti e leggende

La vera storia di Villa Crespi e dei suoi costruttori tra miti e leggende sulle sponde del lago d’Orta

Villa Crespi è un sogno ariostesco fatto realtà, costruito in un ermo laghetto, il lago d’Orta, ricco di fantastiche leggende.

S’insinua nel lago un colle circondato da magnifiche piante secolari dove sorge il Sacro Monte, patrimonio dell’Unesco, dove trovano ubicazione 20 cappelle che raccontano la vita di San Francesco. La penisola si congiunge alle sponde per un breve dosso erboso che da ambo i lati sovvraggiudica le placide acque.  Su quel dosso nasce Villa Crespi e se la natura aveva preparato il terreno, la Fortuna combinò a meraviglia i due elementi indispensabili a generare i miracoli dell’Arte: un mecenate e un ingegno.

Il primo si chiamava Cristoforo Benigno Crespi, originario di Busto Arsizio e divenne un ricco industriale cotoniero grazie ad una provvidenziale soffiata avuta da un amico operatore in Borsa. Incantato dal fascino di Baghdad, dove comperava partite di cotone, si fece costruire nel 1879 una villa in stile moresco, immersa in un parco degradante verso quel Lago, che in gioventù, grazie all’aria balsamica l’aveva guarito di tisi.

Il secondo era l’architetto Cav. Angelo Colla, un autodidatta che volle che a una dimora destinata al riposo e allo svago, quale Villa Crespi, rispondesse quello che l’Arte ha trovato di meno rigido e di più pittoresco: uno stile che, nato sotto i fervidi soli dell’Oriente, si era acclimato così bene in Spagna e nella stessa nostra Sicilia per rivivere per virtù d’innesto a Venezia. Un’eleganza che faceva ripensare ai minareti di Baghdad e di Damasco, alle torri dell’Alhambra e all’Alcazar di Siviglia.
Quando un signore generoso s’incontra con un artista di rara sensibilità, non può che uscirne che una dimora unica nel suo genere: Villa Crespi.

Negli anni Trenta Villa Crespi venne acquistata dai Marchesi Fracassi di Torre Rossano e divenne un luogo di soggiorno di poeti e capitani d’industria, principesse e regnanti (Umberto di Savoia era un assiduo frequentatore della Villa).
Alla fine degli anni Ottanta, dopo essere stata per alcuni anni un centro di spiritualità dell’Azione Cattolica, venne trasformata dall’attuale proprietario in un esclusivo hotel a quattro stelle dove natura, arte e storia si sono intrecciati per regalare ai suoi Ospiti un soggiorno denso di impressioni e ricordi indelebili.

Benvenuti a Villa Crespi





Leave a Reply



La Nostra Filosofia


...il Mediterraneo,
in visita al lago,
s'innamorò delle Alpi e
decise di portar
loro in dote
i suoi preziosi sapori...

Antonino Cannavacciuolo
Grand Chef
Relais & Chateaux

Miasino Jazz festival sul lago d’Orta

Sulle alture del Lago d’Orta, il piccolo comune di Miasino, a pochi chilometri da Villa Crespi, ospita ad agosto il Miasino Jazz festival presso...

Giro in barca al tramonto con aperitivo

Il motivo per cui il Lago d’Orta è stato annoverato tra i laghi più romantici d’Italia è facilmente intuibile non appena lo si scorge.

Un...

Esperienza in cucina: un percorso multisensoriale con la brigade

Sul lago d’Orta, Antonino Cannavacciuolo apre le porte della sua cucina stellata a curiosi, esperti, amanti del gourmet e a chiunque voglia condividere due...

GALA’ LIRICO SOTTO LE STELLE

Galà lirico sotto le stelle: un evento originale e prestigioso animerà la serata di venerdì 28 luglio a Miasino  alle ore 21.00.

Per la prima...

Giro in mongolfiera con vista del lago d’Orta

Il lago d’Orta è una perla incastonata tra i monti, un luogo da mille sfumature da scoprire.

È possibile infatti osservare il lago e tutto...

Wake surf sul lago d’Orta

Per gli appassionati dell’acqua e degli sport all’aria aperta e per tutta la famiglia l’emozione di cavalcare “l’onda” con lo sport più ricercato sul...

Matrimonio in vetta alla Capanna Margherita sul Monte Rosa

A 4.554 metri di altitudine sul Monte Rosa svetta il rifugio più alto d’Europa, nella Valsesia, dedicato alla regina Margherita di Savoia, illustre ospite...