Eremo di Santa Caterina sul lago Maggiore


Posted on 7th October, by Hotel Villa Crespi in In Evidenza Home Page, territorio. No Comments

Eremo di Santa Caterina sul lago Maggiore

A Leggiuno, sul lago Maggiore, l’immensa bellezza di questo luogo mistico attrae numerosi visitatori ogni giorno. La leggenda narra che il mercante Alberto Besozzi, nel bel mezzo di un naufragio, decise di appellarsi a Santa Caterina di Alessandria per essere salvato, promettendo penitenza in caso fosse uscito illeso dal disastro. Sopravissuto, si ritirò a vita da eremita in questo luogo magico ,in una grotta a strapiombo sul lago per onorare la promessa fatta.

Si nutriva di alborelle (tipici pesciolini di lago)c he i pescatori gli portavano in cambio delle sue preghiere.

Durante il periodo della peste, costui pregò talmente tanto per aiutare gli abitanti della zona, e si narra che un angelo gli apparve consigliandogli di costruire una cappella in onore di Santa Caterina in cambio della fine della pestilenza.

Per omaggiare la Santa e lo stesso Besozzi, gli abitanti costruirono sulla roccia una piccola cappella in cui pregare, proprio sopra la roccia dove l’eredità si era rifugiato.

Negli anni vari ordini si sono occupati del sito, apportandovi ingrandimenti strutturali e ciò che rimane e che crea quella sorta di cammino di riflessione meditativo è la scalinata che vi conduce: 268 gradini,per chi non se la sentisse vi è l’accesso dal lago e un ascensore che entra nella roccia.

 

DA NON PERDERERE / CONSIGLIATO
Affacciato a strapiombo sul Lago Maggiore, la profondità delle acque lì sotto arriva fino i 200 metri e l’eremo offre l’equilibrio perfetto tra natura, arte e spiritualità.

Un luogo per tutti coloro che vogliono ritirarsi in se stessi, per un benessere interiore, l’aurea di pace che vi avvolge è magica.





Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



La Nostra Filosofia

...il Mediterraneo, in visita al lago, s'innamorò delle Alpi e decise di portar loro in dote i suoi preziosi sapori... Antonino Cannavacciuolo Grand Chef Relais & Chateaux

La fondazione Calderara: il museo d’arte sul lago d’Orta

La fondazione Calderara nacque il 10 gennaio 1979 per volontà del pittore Antonio Calderara che già ancora quando era in vita decise di aprire...

Il gorgonzola novarese

Il formaggio Gorgonzola è sicuramente ciò che possiamo definire “orgoglio Italiano”; un prodotto d’eccellenza con una forte identità culturale, tipico del nord, riconosciuto dall’Unione...

Il cachemire e il tessile attorno al lago d’Orta

Nella zona della Valsesia sono numerose le aziende specializzate nel cachemire e nei tessuti di lusso. A guidare queste realtà un unico denominatore comune:...

Laveno e il suo presepe sommerso

Nel comune di Laveno Mombello, situato in un’insenatura del Lago Maggiore con vista suggestiva sulle isole Borromee e sull’intera catena del Monte Rosa, è...

La montagna tra i due laghi: il Mottarone

Con i suoi 1.491 metri d’altitudine, il Mottarone divide il Lago d’Orta dal Lago Maggiore ed è per questo conosciuto come la montagna dei...

Villa Crespi in GQ Usa

A member of Relais & Chateaux, Villa Crespi is so much more than a luxury hotel lying above Orta, the most romantic of all...

La grappa novarese

Presso il Relais et Chateaux Villa Crespi organizziamo visite private e per piccoli gruppi alla Casa Francoli di Ghemme, per far conoscere ai nostri...