Mostra Immensità di Valentino Vago alla Fondazione Calderara


Posted on 24th June, by Hotel Villa Crespi in In Evidenza Home Page, territorio. No Comments

Mostra Immensità di Valentino Vago alla Fondazione Calderara

La Fondazione Antonio e Carmela Calderara propone per la stagione 2017 la mostra Immensità, personale di Valentino Vago, che nasce quasi naturalmente come frutto di un’amicizia storica tra Antonio Calderara e Valentino Vago, testimoniata anche dalla presenza di un’opera del pittore di Barlassina all’interno della Collezione.

Alla Fondazione Calderara di Vacciago sarà esposta una selezione di opere che testimonia l’ultimo felice periodo dell’opera di Valentino Vago che nasce principalmente da una sensibilità per il colore che è vibrazione luminosa effusiva, fattore fondante che accomuna la ricerca del pittore di Barlassina a quella di Calderara. Quest’ultimo, più avanzato nel suo percorso artistico, sentiva nei confronti del giovane Vago una consonanza non tanto di esiti formali quanto più di serietà di vocazione e un comune afflato verso l’infinito e l’incommensurabile. Entrambi partono dal desiderio – o forse addirittura dalla necessità – di trasportare sulla tela, attraverso il colore e la luce, una bellezza vista e vissuta. Ma nel restituirci questa bellezza le donano un respiro di infinito.

I colori utilizzati da Vago, spesso timidi, sono il giallo, amato fin dall’inizio, il celeste, trovato nella sua peculiare sfumatura ultraterrena all’inizio degli anni ottanta, il rosa, scoperto alla metà dei settanta e il bianco che conquista sempre più spazio. Colori che l’artista ottiene con un procedimento di detournement della tradizionale tecnica della pittura ad olio, fatta di molteplici passaggi, sovrapposizioni e velature, che necessitano di lunghi tempi di asciugatura e che danno alle stesure uno spessore materico.  Diversamente, il suo colore, una volta applicato, imprime un respiro vivo a qualsiasi supporto, carte, tele e pareti.

Le tele più recenti di Valentino Vago hanno progressivamente perso ogni rifermento segnico, lasciando il campo allo spazio che si fa sempre più glauco, intriso di luce di un altro mondo e ricco di vibrazioni quasi impercettibili. “Ho capito che si poteva dipingere senza rappresentare nulla. Da allora ho sempre proceduto cancellando il mondo”, come l‘artista stesso dice. “Sto facendo la cosa che ho sempre desiderato fare, cioè un quadro fatto solo di luce con un riverbero di luce ancora più potente sotto. Quella piccola differenza, o grande differenza di luce che c’è sotto è quello che sposta tutto lo spazio in una dimensione diversa”

La pittura di Vago è come se avesse inscritto nel nome dell’autore il proprio destino, che è quello di agire principalmente innescando un perpetuo movimento nella percezione dell’osservatore” come scrive Elisabetta Longari nel catalogo che accompagna  la mostra. “Indeterminatezza, incompiutezza e infinità sono quasi sinonimi. Il colore, che è la forma primaria che l’energia assume, è il tramite. Assottigliato e instabile, sembra continuamente tentare una ridefinizione. Lo spazio pulsa a causa di un colore che, diversamente illuminato, sprigiona lentamente la sua tendenza al movimento, manifestando un andare verso che non giunge mai a termine. Ogni tela rappresenta uno stadio momentaneo di una trasformazione infinita, e costituisce una stazione di un lento trascolorare dal buio alla luce, fino al bianco abbacinante e incontaminato di alcune ultime tele”.

Un catalogo con testi di Elisabetta Longari e Paola Bacuzzi accompagna la mostra Immensità.

L’esposizione occupa le sale delle mostre temporanee, affacciate sullo spazio verde della secentesca sede della Fondazione Calderara a Vacciago sul lago d’Orta, dove è custodita ed esposta la collezione di respiro internazionale che l’artista ha costituito nel corso della sua vita.

Inaugurazione: sabato 24 giugno 2017 ore 17.00 dove sarà presente l’artista e i curatori.

 

FONDAZIONE ANTONIO E CARMELA CALDERARA, VACCIAGO DI AMENO

www.fondazionecalderara.it   

via Bardelli 9, tel.0322 998192 Vacciago di Ameno (NO)

Apertura Fondazione: dal 15 maggio al 15 ottobre

Ingresso gratuito

da martedì a venerdì: 15.00/19.00

sabato e domenica: 10.00 /12.00 – 15.00 / 19.00

lunedì chiuso

 





Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



La Nostra Filosofia

...il Mediterraneo, in visita al lago, s'innamorò delle Alpi e decise di portar loro in dote i suoi preziosi sapori... Antonino Cannavacciuolo Grand Chef Relais & Chateaux

La fondazione Calderara: il museo d’arte sul lago d’Orta

La fondazione Calderara nacque il 10 gennaio 1979 per volontà del pittore Antonio Calderara che già ancora quando era in vita decise di aprire...

Il gorgonzola novarese

Il formaggio Gorgonzola è sicuramente ciò che possiamo definire “orgoglio Italiano”; un prodotto d’eccellenza con una forte identità culturale, tipico del nord, riconosciuto dall’Unione...

Il cachemire e il tessile attorno al lago d’Orta

Nella zona della Valsesia sono numerose le aziende specializzate nel cachemire e nei tessuti di lusso. A guidare queste realtà un unico denominatore comune:...

Laveno e il suo presepe sommerso

Nel comune di Laveno Mombello, situato in un’insenatura del Lago Maggiore con vista suggestiva sulle isole Borromee e sull’intera catena del Monte Rosa, è...

La montagna tra i due laghi: il Mottarone

Con i suoi 1.491 metri d’altitudine, il Mottarone divide il Lago d’Orta dal Lago Maggiore ed è per questo conosciuto come la montagna dei...

Villa Crespi in GQ Usa

A member of Relais & Chateaux, Villa Crespi is so much more than a luxury hotel lying above Orta, the most romantic of all...

La grappa novarese

Presso il Relais et Chateaux Villa Crespi organizziamo visite private e per piccoli gruppi alla Casa Francoli di Ghemme, per far conoscere ai nostri...