Nietzsche e la tentazione di un bacio rubato sul lago d’Orta


Posted on 30th March, by Villa Crespi in In Evidenza Home Page, territorio. No Comments

Nietzsche e la tentazione di un bacio rubato sul lago d’Orta

Il bacio rubato di Nietzsche a Salomè sul lago d’Orta

Ad Orta senti qualcosa nell’aria. Avverti sensazioni che proprio non senti altrove, nelle case dei paesi dove abitiamo o nei palazzi dove lavoriamo.

Orta San Giulio è speciale, ha un senso di pace, una tranquillità che è dell’anima, ecco, è un luogo dell’anima.

Più di mille anni di storia vivono nelle pietre del pittoresco borgo medievale, i ricordi pacati della sua gente nel corso dei secoli fluttuano nell’aria. Sono tanti, tanti quanti i riflessi del sole sullo specchio delle acque del Lago. Ricordi di vita, di morte, di lotte e di glorie,  sconfitte e vittorie, odi e …amori. Qui le ombre del passato si raccolgono, storie che ancora oggi hanno il loro fascino per chi viaggia, per chi cerca gli angoli più belli del mondo, goielli nascosti da mostrare e raccontare.

Ti ricordi il filosofo tedesco dell’800, Nietzsche? Visitò Orta in compagnia di amici, tra cui Salomè, donna esotica e seducente…Fecero una passeggiata in un breve momento di quel pomeriggio soleggiato e caldo, all’ombra delle cappelle rinascimentali del Sacro Monte, la vita di Nietzsche cambiò per sempre. Sedotto dalla bellezza e charme di Salomè, non seppe resistere alla tentazione di un intensissimo bacio rubato sotto i pini secolari del bellissimo parco affacciato sul lago e l’isola di San Giulio, una gemma da ammirare. Perse  completamente la testa per la bella incantatrice di 17 anni più giovane di lui. Lou Salomè fu, infatti,  la dea ispiratrice della sua opera più importante, Also Sprach Zarathustra. Ma insieme non conobbero  la felicità.

“Ti devo il più bel sogno della mia vita” Friedrich Nietzsche

Orta continua ad essere la meta di innamorati che, a differenza di Lou e il suo filosofo, ciondolano mano nella mano tra vicoli e passeggiate lungo lago, ogni tanto rubando un intensissimo bacio d’amore… Chi non ha il ricordo di un bacio rubato, magari in una sera di mezz’estate, caldo ed inebriante come la brezza estiva…

Chi non sa resistere alle tentazioni deve proprio visitare Orta e conoscere la sua magia!





Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



La Nostra Filosofia

...il Mediterraneo, in visita al lago, s'innamorò delle Alpi e decise di portar loro in dote i suoi preziosi sapori... Antonino Cannavacciuolo Grand Chef Relais & Chateaux

La fondazione Calderara: il museo d’arte sul lago d’Orta

La fondazione Calderara nacque il 10 gennaio 1979 per volontà del pittore Antonio Calderara che già ancora quando era in vita decise di aprire...

Il gorgonzola novarese

Il formaggio Gorgonzola è sicuramente ciò che possiamo definire “orgoglio Italiano”; un prodotto d’eccellenza con una forte identità culturale, tipico del nord, riconosciuto dall’Unione...

Il cachemire e il tessile attorno al lago d’Orta

Nella zona della Valsesia sono numerose le aziende specializzate nel cachemire e nei tessuti di lusso. A guidare queste realtà un unico denominatore comune:...

Laveno e il suo presepe sommerso

Nel comune di Laveno Mombello, situato in un’insenatura del Lago Maggiore con vista suggestiva sulle isole Borromee e sull’intera catena del Monte Rosa, è...

La montagna tra i due laghi: il Mottarone

Con i suoi 1.491 metri d’altitudine, il Mottarone divide il Lago d’Orta dal Lago Maggiore ed è per questo conosciuto come la montagna dei...

Villa Crespi in GQ Usa

A member of Relais & Chateaux, Villa Crespi is so much more than a luxury hotel lying above Orta, the most romantic of all...

La grappa novarese

Presso il Relais et Chateaux Villa Crespi organizziamo visite private e per piccoli gruppi alla Casa Francoli di Ghemme, per far conoscere ai nostri...