La vera storia di VILLA CRESPI


Posted on 17th July, by Villa Crespi in In Evidenza Home Page, territorio. No Comments

La vera storia di VILLA CRESPI

La storia della costruzione di Villa Crespi

 

Nel 1879 l’industriale e facoltoso cotoniero Cristoforo Benigno Crespi (1833 – 1920) acquistò un lotto di terreno sulla penisola di Orta San Giulio.

Nel lotto sorgeva un cascinale, il terreno arrivava fino al lago e comprendeva parte dell’antico abitato di pescatori detto “ Ortello” che venne demolito per la realizzazione della proprietà “Crespi”.

L’abitazione fu costruita e voluta come casa di villeggiatura della famiglia.

La dimora venne dedicata alla signora Crespi, Pia Travelli, anche lei come il marito originaria di Busto Arsizio (VA).  Il nome “Villa Pia” fu dato alla casa, ed è ancora leggibile su un cancello laterale, ora a  ridosso della rotatoria.

L’architetto incaricato alla realizzazione del progetto era in quel momento uno dei più gettonati e considerati a Milano: Angelo Colla (1827 – 1892).

Colla, originario di Gignese, nel 1862 venne riconosciuto come miglior ornarista lombardo.Grazie ad amicizie celebri e prestigiose, come quella col senatore Tullo Massarani, ottenne importanti incarichi a Milano, tra cui alcuni lavori a Palazzo Marino dove modificò in modo discutibile alcune sale adiacenti al grande salone dell’Alessi che doveva essere trasformato in sede del Consiglio comunale. Nel 1877 Colla entrò a far parte, con Massarani, della Commissione conservatrice ai monumenti di antichità e belle arti, ruolo che gli portò fama e notevole considerazione.

Ed è proprio in questo periodo che Crespi acquistò il terreno a Orta (1879) e decise di incaricare la figura maggiormente considerata per la realizzazione della sua grande Villa a tre piani, in stile moresco che gli ricordava le località visitate grazie alla sua attività industriale nei paesi mediorientali.

Di notevole interesse “La torretta-minareto di 5 piani finestrati” che spicca a cielo aperto dalla Villa dominando il parco e l’orizzonte.

Ad Angelo Colla venne data carta bianca per la realizzazione di  un capolavoro assoluto, vero unicum di questo genere moresco-eclettico dove la laboriosità degli intarsi e degli stucchi lascia ancora oggi senza fiato.

Oltre alla Villa nella proprietà vennero realizzate una grande fontana, una dependance e una rimessa con la scuderia, quest’ultima vicino al lago.

Purtroppo Colla, non essendo propriamente un architetto ma principalmente un ornarista , ricevette con il tempo notevoli critiche riguardanti il suo operato di lavorazione a Villa Crespi.

 

Venite a vivere l’esperienza unica che solo Villa Crespi sa offrire…





Leave a Reply



La Nostra Filosofia


...il Mediterraneo,
in visita al lago,
s'innamorò delle Alpi e
decise di portar
loro in dote
i suoi preziosi sapori...

Antonino Cannavacciuolo
Grand Chef
Relais & Chateaux

Miasino Jazz festival sul lago d’Orta

Sulle alture del Lago d’Orta, il piccolo comune di Miasino, a pochi chilometri da Villa Crespi, ospita ad agosto il Miasino Jazz festival presso...

Giro in barca al tramonto con aperitivo

Il motivo per cui il Lago d’Orta è stato annoverato tra i laghi più romantici d’Italia è facilmente intuibile non appena lo si scorge.

Un...

Esperienza in cucina: un percorso multisensoriale con la brigade

Sul lago d’Orta, Antonino Cannavacciuolo apre le porte della sua cucina stellata a curiosi, esperti, amanti del gourmet e a chiunque voglia condividere due...

GALA’ LIRICO SOTTO LE STELLE

Galà lirico sotto le stelle: un evento originale e prestigioso animerà la serata di venerdì 28 luglio a Miasino  alle ore 21.00.

Per la prima...

Giro in mongolfiera con vista del lago d’Orta

Il lago d’Orta è una perla incastonata tra i monti, un luogo da mille sfumature da scoprire.

È possibile infatti osservare il lago e tutto...

Wake surf sul lago d’Orta

Per gli appassionati dell’acqua e degli sport all’aria aperta e per tutta la famiglia l’emozione di cavalcare “l’onda” con lo sport più ricercato sul...

Matrimonio in vetta alla Capanna Margherita sul Monte Rosa

A 4.554 metri di altitudine sul Monte Rosa svetta il rifugio più alto d’Europa, nella Valsesia, dedicato alla regina Margherita di Savoia, illustre ospite...